QUESTO PORTALE WEB UTILIZZA COOKIES TECNICI Ulteriori informazioni.

Ministero della pubblica amministrazione

logo

Che cos'è lo Sportello di Consulenza Psicologica?

 

 

La scuola di Guastalla è una delle prime realtà che si è aperta ed ha fortemente sostenuto lo  Sportello di Consulenza Psicologica, promosso da insegnanti storici divenuti poi referenti dello stesso come la Professoressa Rossana Gelmini alla quale va la nostra gratitudine.

La nostra scuola ben prima dell’indispensabile stanziamento da parte del MIUR dei Fondi 2020-2021 Promossi per l’Emergenza Covid ha ritenuto imprescindibile investire nella psicologia scolastica di stampo psicoeducativo.

Il servizio si presenta come un’opportunità nella scuola e per la scuola e si propone di accogliere i bisogni del preadolescente, del preadolescente inserito un una comunità e degli adulti intorno a lui aprendo spazi di confronto.

Nel nostro territorio da molti anni gli istituti scolastici hanno riconosciuto un bisogno crescente di interventi psicologici al loro interno, relativi all’offerta di consulenze sia individuale, per tutte le figure operanti nella scuola (insegnanti, studenti, genitori, personale ausiliario), sia gruppale, pensate per i gruppi classe o dedicate alla formazione del personale docente.

L’esperienza nel campo della preadolescenza evidenzia la necessità di una scuola che sia promotrice dello sviluppo della personalità dei suoi studenti favorendo sempre più le competenze trasversali oltre ad essere un luogo di trasmissione del desiderio di ampliare i propri saperi attraverso lo sperimentarsi nelle varie discipline.

Per i docenti il SCP rappresenta uno spazio di confronto psico-educativo e relazionale, di aggiornamento ai rapidi cambiamenti della comunità allargata e delle varie tipologie familiari oltre che alle manifestazioni comportamentali dei preadolescenti. Il SCP promuove flessibilità nelle strategie educative e fiducia nelle possibilità di apprendimento degli studenti e nelle competenze dei docenti stessi affinchè l’apprendimento diventi sempre più un’esperienza costruttiva.

Un importante obiettivo del SCP è quello di coinvolgere e sensibilizzare sempre più gli adulti ai cambiamenti del linguaggio e del mondo relazionale del preadolescenziale, per avvicinarli alle problematiche e ai sentimenti di un’età oggi complessa tanto quanto quella adolescenziale, affinché gli adulti, insieme, possano farsi carico delle difficili richieste dei ragazzi assumendosi ognuno una parte di responsabilità nelle crescite possibili.

Durante i colloqui con gli studenti si prendono in considerazione più dimensioni di tipo sia oggettivo (occasioni di vita sociale, andamento scolastico, strategie di studio, percorso formativo) che soggettivo (padronanza emotiva, concetto di efficacia e autostima, narrazione di sé, vissuto di sé nella relazione con i pari e con gli adulti, immagine degli adulti intorno a sé, immagine corporea e crescita identitaria).

In concreto, all’interno dello sportello di consulenza psicologica, durante il colloquio individuale si può di volta in volta focalizzare l’attenzione:

  • sull’ambito delle relazioni interpersonali (intra-familiari, con i coetanei, con altri adulti)
  • sull’ambito dell’inclusione sociale (partecipazione all’attività di classe, ad eventi sociali, a ruoli di comunità, accessibilità alle opportunità)
  • sul benessere emotivo (soddisfazione percepita, senso di auto-efficacia, regolazione emotiva)
  • sull’autodeterminazione (autoconsapevolezza, autovalutazione, auto rinforzo; autonomia decisionale, regolazione, iniziativa, azione)
  • sullo sviluppo personale (abilità comunicative, intelligenza emotiva, abilità sociali, assertività, abilità pratiche) come indicatori di competenze trasversali e indicatori della Qualità della Vita di una persona.

Esplorando insieme questi ed altri ambiti di funzionalità di una persona viene da sé la presa di consapevolezza di quelle aree che meritano un ampliamento. E che la persona può desiderare di migliorare; i preadolescenti che piano piano cercano un’autonomia rispetto il pensiero genitoriale hanno sempre più desiderio  di confrontarsi con un “adulto più grande ed esperto” rispetto a situazioni di vita quotidiana vissute proprio in famiglia, con i docenti e/o con i coetanei.

L’esperienza di questi anni ci ha insegnato che se è vero che i preadolescenti hanno ancora molto da chiedere ed imparare dagli adulti è anche vero il contrario. Accostarsi al mondo attraverso i loro occhi, ascoltare il loro punto di vista sulle esperienze, accogliere le loro emozioni sospendendo il giudizio, aiuta noi adulti a rimanere umili e flessibili rispetto la vita, ci apre alla speranza pur nella consapevolezza della complessità dell’età preadolescenziale.

In linea con le nuove prospettive relative alle politiche sociali, educative e della salute lo SCP trova la sua centralità nella promozione del benessere e non sul disagio.

L’OMS (Organizzazione mondiale della Sanità) riconosce che la salute non consiste solo nell’assenza di malattie e propone un approccio in positivo al fine di progettare interventi e servizi alla persona attenti alla valutazione della salute di un individuo (e non necessariamente alla classificazione delle varie forme di disagio).

La principale conseguenza è l’importanza sempre maggiore del concetto di Qualità della Vita inteso come stima del benessere e dell’agio.

IL SERVIZIO DI CONSULENZA PSICOLOGICA:

  • Promuove nei ragazzi la motivazione allo studio e la fiducia in sè stessi
  • Promuove il benessere psico-fisico degli studenti e degli adulti di riferimento
  • Facilita una lettura corretta da parte dei docenti delle diverse forme di disagio scolastico, relazionale, sociale, affettivo degli studenti
  • Lavora in funzione del recupero di situazioni che creano sofferenza, comportamenti aggressivi, insuccesso, tendenza al ritiro sociale o all’abbandono scolastico
  • Si avvale di un professionista che opera nel rispetto del codice deontologico professionale e della privacy
  • Propone e co-progetta al fianco del corpo docente, formazione e interventi anche individualizzati su situazioni problematiche
  • Favorisce il processo di orientamento scolastico
  • Favorisce la cooperazione tra scuola e famiglia, attraverso azioni di mediazione, creando rapporti soddisfacenti e costanti tra i vari protagonisti del progetto educativo
  • Costruisce un punto di raccordo/mediazione con i servizi educativi, sociali e sanitari esistenti, in alcuni casi anche sostenendo e accompagnando l’invio ai servizi competenti
  • È osservatore privilegiato sull’evoluzione delle dinamiche e delle culture preadolescenziali attive sul territorio

NON È:

  • Spazio di diagnosi e cura
  • Servizio di presa in carico
  • Sportello avulso dal sistema scolastico
  • Autoreferenziale e chiuso al territorio

 

 

 

Attività

No result.

URP

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "GUASTALLA-GONZAGA"
VIA IRENEO AFFO' N.1, 42016 GUASTALLA ( RE )
Tel: +39.0522824607
PEO: REIC812008@istruzione.it
PEC: REIC812008@pec.istruzione.it
Cod. Mecc. REIC812008
Cod. Fisc. 90000430356
Fatt. Elett. UFSJSC